By FreeReturn: Informazione & riflessione su economia, finanza e politica in genere.

domenica 1 marzo 2009

2

La Camera respinge gli arresti domiciliari…

Angelucci_antoniojpg
La Giunta per le autorizzazioni della Camera, presieduta da Pierluigi Castagnetti (Partito Democratico) , il 25 febbraio ha respinto la domanda degli arresti domiciliari nei confronti dell’Onorevole Antonio Angelucci, inoltrata il giorno 4 febbraio ai sensi dell’articolo 68, secondo comma, al deputato del popolo delle libertà: maggioranza e opposizione (con la sola eccezione di Maurizio Turco) ha votato “compatta” contro la richiesta dei magistrati; l’Italia dei Valori, invece, ha detto sì agli arresti per il cosiddetto “re” delle cliniche laziali.

La misura cautelare si inserisce nel contesto di un’inchiesta condotta dalla procura della Repubblica di Velletri sulle attività della casa di cura San Raffaele, gestita dalla Tosinvest, di proprietà dell’Onorevole e del figlio Giampaolo, riguardante alcuni aspetti illeciti e penalmente rilevanti.
L’impero Angelucci è basato su strutture sanitarie in Lazio e Puglia, con attività anche nel mercato dell’editoria grazie alla proprietà dei quotidiani Libero e Il Riformista (in passato, la famiglia deteneva anche una partecipazione nell’Unità).
Non è la prima volta che la famiglia occupa le pagine di cronaca: nel 1999, la bufera riguardava l’acquisto e la successiva vendita al Ministero della Salute del San Raffaele di Roma (che strano…lo stesso di oggi!!! mah…sarà una casualità!!!).
Permettetemi alcune considerazioni: può un personaggio politico di destra essere possessore di un giornale di centro-destra e allo stesso tempo di uno di sinistra (ed essere stato azionista per diverso tempo di uno di centro-sinistra)? può svolgere il suo lavoro di parlamentare in modo trasparente? ma soprattutto, può un tifoso politico leggermente obbiettivo non vedere cosa succede in un’occasione evidente come questa (non servono spiegazioni, più multi-partisan di così!)?
E’ ora di riflettere…loro sono la casta, noi siamo i tifosi…e ancora crediamo alla favola destra contro sinistra (o viceversa)…ecco perchè loro sono i padroni d’Italia e noi siamo i sudditi di Sua Maestà tessera P2 n°1816
Bibliografia link notizia:

Share/Save/Bookmark


Scrivo poco (e anche male), se non ti annoio con quello che pubblico, FEEDati al blog! Non sai cosa sono e come funzionano i FeedRSS? clicca qui!

2 ->...E tu, cosa ne pensi? <-:

  • coscienza critica (italiani imbecilli)

    Tessera 1816, codice E.19.78, gruppo 17, fascicolo 0625.

    E io domando: possono gli italiani tollerare tutto questo ancora per molto?

  • mimmo

    Caro Carlo,
    comincioi a pensare che agli Italiani
    questa situazione stia benissimo...

    io per quanto cerchi di mantenere
    il mio blog lontano da argomenti
    di politica poi finisco sempre
    per cadere nella tentazione....

    ti saluto
    mimmo

Posta un commento

Blog Widget by LinkWithin

Privacy

L'autore di questo blog si riserva di eliminare senza preavviso i commenti che siano illeciti, volgari, lesivi della privacy altrui, con contenuti di spam, ispirati da odio razziale, che possano recare danno ai minori, che contengano dati sensibili, che siano lesivi di copyright, che non siano correlati all'articolo cui si riferiscono.

Questo blog viene aggiornato senza una periodicità prestabilita quindi, ai sensi della legge n°62 del 07/03/2001, non è un prodotto editoriale o una testata giornalistica.

L'utilizzo del materiale di questo blog è soggetto alla licenza Creative Commons CC 2.5.

A partire dall'8 Aprile 2009 la pubblicità di AdSense presente in questo blog ha introdotto un sistema basato sugli interessi. Chiunque visualizzerà una pagina riceverà un cookie che aggregherà i contenuti preferiti dal navigatore. Questo cookie DoubleClick sarà associato al browser e non all'identità del visitatore che non potrà essere identificato in alcun modo. Esiste la possibilità di disabilitare questo cookie.

Disclaimer

 

Copyright 2009 All Rights Reserved by Mr. Nessuno Template Created by BloGrafica.